• Facebook - Black Circle
  • YouTube - Black Circle

Seguici Su

Azienda Agricola - Foggia

Via G. Di Vittorio, 23

71034, Castelnuovo della Daunia (FG)

mail: info@terreitaliane.eu

cell. +39 349 1841676

Spaccio Aziendale - Treviso

Via Schiavonesca, 125

31040, Giavera del Montello (TV)

mail: info@terreitaliane.eu

cell. +39 370 3141546

© 2019 Terre Italiane Società Agricola Srl; Contrada Cirnelli snc – 71034 Castelnuovo della Daunia (FG)

P.I. 03872760719; Registro delle Imprese di Foggia – n° iscrizione 03872760719

Capitale versato € 12.000,00

 

Pioggia senza misura

4/12/2013

Gli olivi non hanno ancora recuperato il loro splendore d’argento e ostentano tristi l’imbrunire tardo dei loro frutti; le terre brulle della pianura non sono ancora ravvivate dalle tenui verde speranze dei frumenti e delle fave; le vigne, sferzate dal vento allungano esili dita al pianto del cielo: quest’anno non si accenderanno di oro, amaranto e porpora; i pendii delle colline non sognano ancora il seme dei fieni profumati di maggio, si ammantano precocemente di bianco e, malinconici, si spogliano dei radi fili d’erba fiaccati dal vento e dai primi geli. La luna non fila l’oro delle notti d’autunno e, nel fango e nelle pozze della pianura, stempera il suo volto nell’argento, di nebbia e di pioggia.
La mia terra è viva di colori; la mia terra vive di colori. Come la tavolozza di un pittore dal cuore grande e generoso, impasta un colore per ciascuno degli impercettibili volti del tempo che passa e se ne veste; poi li mescola ad arte e s’adorna di vivaci armonie di colori e tinte, che vibrano le note della danza delle stagioni e anticipano l’esperienza di chi si accinge a lavorarla. Ma le luci della pianura s’allargano meste sotto le sferzate di pioggia e fango e il grano non cresce, le ombre degli alberi affogano ai bordi degli acquitrini, l’erba gela sui fossi delle strade: tavolozza insensata dell’assurdo decorso di questa stagione.

Qualcuno si stringe nelle spalle convinto che non possa mai far più buio di mezza notte. Qualcun altro guarda attonito in silenzio e confida nell’ostinazione di un sole ormai sempre più lontano all’orizzonte. C’è chi arriva a darsi coraggio urlando che un disastro simile servirà di lezione a tutti quanti speculano sui prezzi dei prodotti dell’agricoltura: del resto chi lavora in campagna sa che le stagioni cattive esistono da sempre e ha imparato a mettere da parte ricchezza per periodi di più di un anno. In realtà è rabbia finta: ci si guarda attorno spauriti e non trovando il grano nei campi o di fronte alle agonie delle olive ancora sugli alberi, si stringe il cuore e ci si sente innegabilmente più poveri.

Please reload

Please reload

Ultimi Eventi
Please reload

Cerca per Categoria

I nostri quaderni

racconti di un'impresa sana e naturale